MENU
Articoli in evidenza
lavoro

Precari Covid pronti a protesta a oltranza in assenza della stabilizzazione

Precari Covid pronti a protesta a oltranza in assenza della stabilizzazione

Sono 2.500 in totale nelle 9 province siciliane: professionisti, amministrativi e tecnici reclutati, al pari di medici, infermieri e operatori nelle diverse Aziende sanitarie

Sono stati reclutati durante l’emergenza covid e adesso rischiano in assenza di una norma che li tuteli, di perdere il posto di lavoro.

Sono 2.500 in totale nelle 9 province siciliane: professionisti, amministrativi e tecnici reclutati, al pari di medici, infermieri e operatori nelle diverse Aziende sanitarie.

In gioco anche la possibilità di poter continuare a garantire i servizi essenziali d’assistenza.

“L’emendamento che riguardava la possibilità di una stabilizzazione del personale amministrativo e tecnico, al pari del personale sanitario e socio-sanitario, è naufragato insieme alle speranze di migliaia di lavoratori di vedere riconosciuto il giusto merito per il lavoro svolto negli ultimi due anni”.

E’ quanto si legge in una nota del coordinamento regionale “Comitato lavoratori emergenza Covid-19” della Sicilia e dei nove coordinamenti provinciali.

“A differenza del personale amministrativo – si legge nella nota – il personale sanitario e socio-sanitario è stato già inserito in un chiaro percorso normativo che li tutela e che estende al 31 dicembre 2024 il termine di scadenza dell’arco temporale in cui gli enti del Servizio sanitario nazionale possono assumerli a tempo indeterminato.

Ci sembra di assistere – viene denunciato – all’ennesima disparità di trattamento ingiustificata. Siamo amareggiati, delusi e ci sentiamo traditi perché le tante promesse e rassicurazioni, fino a questo momento sono state malamente disattese da chi può tutelare noi ed un Sistema sanitario regionale che senza di noi subirebbe un ulteriore duro colpo che la sanità non può permettersi”.

“Riconosciamo l’impegno preso dal governo nazionale attraverso l’odg che mira a porre in essere una definitiva soluzione per la nostra categoria all’interno del Milleproroghe.

Ma annunciamo che, ove la situazione -conclude la nota – non dovesse trovare immediata soluzione giuridica e politica, daremo vita a forme di protesta ad oltranza nelle sedi ritenute più opportune, al fine di giungere ad una risoluzione concreta”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE