Articoli in evidenza
la nota

Parcheggio Talete, il Comitato Levante libero: “Contrari a ogni intervento non strettamente necessario su un ecomostro da demolire”

Parcheggio Talete, il Comitato Levante libero: "Contrari a ogni intervento non strettamente necessario su un ecomostro da demolire"

Il Comitato si dice comunque disponibile alla costituzione di un tavolo con il Comune per ridisegnare il futuro dell’infrastruttura

Il Comitato Levante Libero disponibile alla costituzione di un tavolo con il Comune per ridisegnare il futuro del parcheggio Talete ma fermo sulla richiesta di ritiro e annullamento della determina sulla riqualificazione attraverso l’arte pubblica della struttura, per la quale il Comitato ha presentato ricorso gerarchico.

Questo quanto ha precisato in una propria nota il portavoce del Comitato, Giuseppe Implatini dopo l’incontro avuto ieri, insieme all’avv. Omar Giardina, e all’avv. Giusi Nanè, con il sindaco Italia e l’assessore Granata.

Il Comitato insiste sul fatto che gli stessi fondi della determina, 46mila ero, o altri fondi da individuarsi, possano essere invece destinati alla realizzazione di una progettazione di demolizione della copertura del Talete e riqualificazione complessiva dell’area.

“Un’azione – si legge nella nota – che consentirebbe la realizzazione di un parco di circa 25mila metri quadrati, con posteggio alberato, viabilità e aree a svago”.

Nella stessa progettazione viene suggerito l’inserimento anche di una nuova via di fuga,: “Ad esempio un ponte pedonale fra Riva Nazario Sauro e la terraferma, in modo da presentare una sorta di sanatoria, capace di porre
rimedio al vulnus generato dalla mancata realizzazione del collegamento per il quale la Regione aveva predisposto il finanziamento”.

“Di contro – riferisce Implatini – il Comune ha dichiarato che il progetto di restyling del Talete sarà realizzato perché per la eventuale demolizione, alla quale si dichiarano favorevoli, sarebbero comunque necessari almeno tre anni e nel frattempo ritengono compatibile ed opportuna una sistemazione del decoro della facciata”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *