Articoli in evidenza
amministrative 2023

Il Pd prende tempo sul nome del candidato sindaco: “raffreddamento” su Ferrarini

sede

La direzione cittadina resta convocata in modo permanente

Il Pd prende tempo nella scelta del candidato sindaco e sul nome di Antonio Ferrarini fa registrate un inaspettato “raffreddamento”.

Ieri, infatti, in occasione della riunione della direzione cittadina del partito convocata dal segretario, Santino Romano, non c’è stata la fumata bianca, che, solo due giorni fa, si dava quasi per certa sul nme del dirigente scolastico del Fermi.

Il partito nelle sue varie componenti, dopo la relazione del segretario cittadino, ha espresso l’esigenza di avere una candidatura che sia più attrattiva possibile e di volerlo fare “insieme agli alleati e con criteri e modalità condivisi”.

In poche parole è mancata la convinzione per dare il via libera a Ferrarini.

Il preside, invece, lo ricordiamo, aveva già ottenuto il sostegno compatto del M5S.

Quale sarà, a questo punto, la reazione dei pentastellati? Sono stati loro a proporre il nome di Ferrarini che, non dimentichiamolo, è uomo del Pd con tanto di tessera del partito.

Lo sapremo presto, anche perché i tempi stringono e questa impasse potrebbe essere destabilizzante per il centrosinistra e per il Partito Democratico.

Un partito che ha anche espresso la necessità di allargare la coalizione ad altre realtà civiche.

Vista, infine, l’urgenza di addivenire alla decisione finale, la direzione comunale resta convocata in modo permanente.

Foto di repertorio

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE