MENU
Articoli in evidenza
Nasce un Comitato unitario

Consultori familiari quasi azzerati a Siracusa e accesso all’aborto possibile solo all’Umberto I

Consultori familiari quasi azzerati a Siracusa e accesso all'aborto possibile solo all'Umberto I

Annunciate azioni di mobilitazione e sensibilizzazione a cominciare da una richiesta ai vertici Asp

Piena applicazione della legge 194 sull’interruzione di gravidanza e potenziamento della rete dei consultori familiari.

Sono gli obiettivi che si è prefisso il Comitato unitario che si è costituito a Siracusa a inizio dicembre e che vede farne parte forze politiche, associazioni, operatori del settore, studenti.

Annunciate azioni di mobilitazione e di sensibilizzazione, iniziando con una richiesta di incontro al Direttore dell’Asp alla presenza delle amministrazioni locali.

“L’unico ospedale in cui si pratica l’interruzione di gravidanza, tra i 4 della provincia – riferisce in una nota il Comitato – è l’Umberto I di Siracusa.

Il metodo utilizzato è esclusivamente il Karman e – aggiunge – come in gran parte della Sicilia non è resa disponibile alle donne la pillola abortiva RU486”

Sono poi definite “drammaticamente carenti” le azioni di prevenzione e di accompagnamento alla genitorialità responsabile nel territorio.

“In generale i consultori, nell’intera provincia di Siracusa – fa notare il Comitato – non riescono a fornire servizi, per carenze negli organici, locali spesso non adeguati, deficit organizzativi.

Sono venute a mancare prestazioni fondamentali, come l’informazione sui mezzi contraccettivi e la loro erogazione, i percorsi nascita e i corsi di preparazione al parto.

Negli ultimi anni – denunciaa ancora il Comitato – nessun turn over; si sono così creati dei vuoti sempre più ampi, rattoppati con personale a scavalco.

Nel capoluogo qualche mese fa l’Azienda sanitaria ha annunciato il trasferimento presso altri locali di due dei tre consultori operanti.

Nella realtà il consultorio 1 di viale Tunisi e il 3, dell’ospedale Rizza, non esistono più; unico consultorio rimasto attivo è il 2, di via Re Ierone I, mentre la normativa prevede un consultorio per ogni ventimila abitanti.

Nell’unico consultorio di Via Ierone, poi – si legge nella nota – si concentrano tutte le richieste di consulenze psicologiche e sociali, mentre si sono allungati talmente tanto i tempi d’attesa per le consulenze ginecologiche, importanti anche per la diagnosi precoce e la prevenzione dei tumori femminili, da rendere inaccessibile il servizio”.

Il Comitato, allora, chiama alle proprie responsabilità npn solo il management sanitario che “deve prestare tutt’altra attenzione al settore materno- infantile, femminile e genitoriale”, ma anche i sindaci, che “rivestono un ruolo rilevante di indirizzo politico in materia sanitaria, sia nella fase della predisposizione della programmazione, sia nelle fasi del controllo e della valutazione del direttore generale dell’azienda sanitaria”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE