MENU
Articoli in evidenza
la sentenza

Concussione all”Ispettorato del lavoro: non luogo a procedere per l’impreditore della vigilanza privata e per il suo consulente

ispettorato

“E’ stata dura essere accusato di tali delitti – ha aggiunto l’imprenditore – ma ho sempre creduto che ce l’avrei fatta a far
emergere la verità”

Sentenza di non luogo a procedere per l’imprenditore della sicurezza privata Michele Donato e per il suo consulente Giuseppe Barbera perché i fatti inizialmente ipotizzati non sussistono.

Questa la sentenza del gip del tribunale di Siracusa Federica Piccione.

A dicembre 2022 i due furono coinvolti nel’operazione della Guardia di Finanza che portà all’arresto del direttore dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Siracusa, Michelangelo Trebastoni, 60 anni, accusato di corruzione, concussione e rivelazione di segreto d’ufficio.

All’imprenditore fu notificato il divieto di esercitare uffici direttivi presso persone giuridiche e imprese e al suo consulente il divieto di esercitare la professione.

La ricostruzione dal collegio difensivo, composto dagli avvocati Pietro Nicola Granata, Attilio Floresta e Verano Malvasi, e il compendio probatorio hanno convinto sia i pubblici ministeri che il giudice dell’udienza preliminare.

Per Trebastoni è stato decisio il rinvio a giudizio per il reato di concussione.

“Ho sempre creduto nella giustizia dal primo momento – ha dichiarato Michele Donato – ed invito tutti a farlo.

Certo è stata dura essere accusato di tali delitti – ha  aggiunto – ma ho sempre creduto che ce l’avrei fatta a far
emergere la verità.

Ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto, i miei familiari, i miei più cari amici, i miei dipendenti ed in particolare i miei avvocati.

Un plauso inoltre ai pubblici ministeri che – ha concluso – con onestà intellettuale hanno cambiato idea nei miei confronti attesa l’evidenza di quanto da me sostenuto e provato”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE