MENU
Articoli in evidenza
Il Comune

Al via un progetto Puc al cimitero di Siracusa: 40 percettori del RdC avviati al lavoro VIDEO

Al via un progetto Puc al cimitero di Siracusa: 40 percettori del RdC avviati al lavoro

Da domani saranno impegnati in attività che vanno dalla manutenzione spicciola all’accoglienza ai visitatori con particolare attenzione agli anziani

Pronto a partire il Progetto Puc (Progetto di utilità collettiva) del Comune di Siracusa per il cimitero.

Sono 40 i percettori del Reddito di cittadinanza che da domani, organizzati in cinque turni da 8 persone, copriranno le fasce orarie che vanno dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 17, dal lunedì al sabato per 8 ore settimanali al cimitero.

Per 6 mesi, come hanno riferito in conferenza stampa il sindaco Italia, l’assessore alle Politiche sociali, Conci Carbone e il direttore del cimitero, Fabio Morabito, saranno impegnati in attività che vanno dalla manutenzione spicciola all’accoglienza ai visitatori.

Si occuperanno, per esempio, della verniciature di ringhiere e cancelli e assisteranno in particolare i visitatori anziani a spostare le scale, a svuotare i vasi di fiori o a effettuare la pulizia all’interno del camposanto.

Nel frattempo già lunedì scorso sono entrati in servizio altri 10 percettori, impiegati rispettivamente 5 in Procura e altri 5 in Tribunale.

Questi ultimi si occuperanno della riorganizzazione e sistemazione dell’archivio generale del campo civile, così da sistemare i fascicoli giacenti, e al riordino dei faldoni del Penale, in particolare quelli con richieste di archiviazione.

Collaboreranno anche alla sistemazione delle pratiche amministrative e alla catalogazione dei beni mobili esistenti, di quelli da acquisire o da eliminare.

Lavoreranno all’archiviazione dei fascicoli e delle pratiche amministrative anche le 5 persone destinate alla
Procura, allo scopo di rimettere ordine e di eliminare le carte giudicate inutilizzabili.

Inoltre faranno assistenza durante i dibattimenti consegnando i fascicoli nelle aule, ritirandoli e collocandoli negli armadi alla fine delle udienze.

Dopo il progetto “Spiagge sicure” che ha visto i percettori impiegati nei solarium cittadini con grande gradimento espresso dai fruitori, si affacciano all’orizzonte altri due Puc: il primo alla pista ciclabile e il secondo per i parchi della città.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE