Articoli in evidenza
polizia

Pesta la moglie e compie atti di autoerotismo davanti alla figlia di 2 anni: 43enne di Noto finisce in carcere

Pesta la moglie e compie atti di autoerotismo davanti alla figlia di 2 anni: 43enne di Noto finisce in carcere

Le indagini avviate grazie alla denuncia presentata dalla vittima lo scorso novembre dopo l’ennesima lite violenta con i vicini che aveva chiesto l’intervento delle forze dell’ordine

Maltrattamenti e lesioni personali aggravate alla moglie, colpita con calci e pugni o con qualsiasi oggetto avesse a portata di mano: queste le accuse mosse ad un 43enne di Noto arrestato dalla Polizia in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare.

Le indagini sono state avviate grazie alla denuncia presentata dalla vittima a novembre scorso dopo l’ennesima lite, durante la quale la donna era stata aggredita fisicamente in modo estremamente violento, tanto da indurre i vicini di casa a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

Gli approfondimenti investigativi hanno accertato pregressi casi di aggressione mai denunciati, durante i quali l’aggressore aveva lanciato contro la moglie ogni tipo di oggetto, tra cui anche un’aspirapolvere. L’uomo non lesinava offese e ingiurie verso la donna: “puttana, te la fai coi vecchi, non pensi a cucinare, ti devo dire tutto io…”

Ma nell’ordinanza vengono contestati anche i reati di atti sessuali e corruzione di minorenne aggravata. La moglie, infatti, riferiva di comportamenti anomali tenuti dall’uomo anche nei confronti della figlia che all’epoca aveva solo 2 anni: pretendeva di stare da solo con la bambina a letto e, quando la moglie si rifiutava di avere rapporti sessuali, compiva atti di autoerotismo, alcuni in presenza della piccola.

Tutte condotte che sono costate all’uomo l’arresto e il suo trasferimento nel carcere di Cavadonna.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *