Articoli in evidenza
pallanuoto

Ottava vittoria in campionato per l’Ortigia: 14-6 alla Roma Nuoto

Ottava vittoria in campionato per l'Ortigia: 14-6 alla Roma Nuoto

Adesso un po’ di riposo e poi testa alla supersfida del prossimo turno contro il Telimar

Contro la Roma arriva l’ottava vittoria in campionato per l’Ortigia, al termine di una buona prestazione, dove spicca l’altissima percentuale (85%) con l’uomo in più.

I biancoverdi hanno avuto poco tempo per preparare la gara e alla viglia erano consapevoli che non sarebbe stata una passeggiata, nonostante la differenza di punti in classifica. Ed in effetti, nella prima parte di gara, l’Ortigia ha faticato, lasciando trasparire anche un po’ di comprensibile stanchezza.

Nel primo tempo, i capitolini riescono a rispondere colpo su colpo replicando, con Ciotti e Francesco Faraglia, ai gol di Gallo e Ciccio Condemi, entrambi dai 5 metri, e poi portandosi perfino in vantaggio con una bella conclusione nuovamente di Faraglia.

Nel secondo parziale, la squadra di Piccardo rimette in carreggiata la partita, con i gol di Klikovac, Di Luciano e Vidovic, mentre la Roma si tiene agganciata con la marcatura di Pietro Faraglia. A metà gara i biancoverdi conducono 6-5.

Nel terzo parziale, l’equilibrio si spezza, con l’Ortigia che prende in mano il gioco e, dopo il botta e risposta firmato da Ciccio Cassia e Di Santo, allunga con Andrea Condemi e Ferrero. La Roma ci prova ancora con Pietro Faraglia, ma Di Luciano (al termine di una splendida controfuga) e Ciccio Cassia (bellissima palombella) portano il risultato sul 10-6 per l’Ortigia.

Nell’ultima frazione è un monologo biancoverde, con la doppietta di Rossi e il terzo gol personale di Ciccio Cassia e Di Luciano. Piccardo dà spazio a Piccionetti e approfitta del largo divario per fare esordire anche il più piccolo dei fratelli Cassia, Leonardo, classe 2004.

A fine gara, coach Stefano Piccardo analizza il match: “Siamo stati sfortunati all’inizio su un paio di rimpalli, soprattutto con l’uomo in meno, ma va detto che non c’era la giusta cattiveria da parte della squadra. Sul gioco a uomo in più sono soddisfatto, avevamo deciso di attaccare lo spazio e ruotare con i due giocatori esterni, cosa che in parte ci è riuscita.

Non mi è piaciuto, invece, nei primi due tempi, il modo in cui abbiamo attaccato la difesa a zona M. Ieri avevamo preparato un movimento che puntualmente non abbiamo fatto.

Arriviamo da un periodo lungo, ora avremo una settimana per allenarci in vista di Palermo. Non credo che recupereremo i due assenti, però avremo modo di rivedere con più calma queste tre partite, per analizzare gli errori che abbiamo commesso e capire dove dobbiamo migliorare”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento