MENU
Articoli in evidenza
petrolchimico

Lukoil, interrogazione urgente al ministro Urso “per garantire la continuità operativa dell’impianto”

Lukoil, interrogazione urgente al ministro Urso "per garantire la continuità operativa dell’impianto"

L’ha presentata il senatore siracusano del Pd Antonio Nicita, con la collega Annamaria Furlan

Garantire con azioni urgenti la continuità operativa dell’impianto di raffinazione Isab Lukoil di Priolo”.

Questo il contenuto di un’interrogazione urgente che il senatore siracusano del Pd Antonio Nicita, con la collega Annamaria Furlan, ha presentato al ministro per lo Sviluppo economico, Urso.

Si tratta della più grande raffineria nazionale che garantisce il 26% della produzione italiana, più del 50% del Pil provinciale e con i suoi 1000 dipendenti diretti, oltre ai 3000 dell’indotto, che ha un ruolo preponderante per l’intero settore industriale del siracusano e per l’economia del territorio.

“Lo stabilimento Isab – ricostruisce Nicita nell’interrogazione – riceve ora esclusivamente petrolio di provenienza russa e quindi, in vista dell’embargo in vigore dal 5 dicembre, rischia l’interruzione delle attività.

Per questo motivo lo scorso luglio è stata approvata una proposta ‘salva Isab’, con l’istituzione presso il Mise di un tavolo di coordinamento per individuare adeguate soluzioni per la prosecuzione dell’attività dell’azienda e il mantenimento dei livelli occupazionali.

Dopo la prima convocazione del tavolo all’inizio di agosto, nessun passo avanti è stato fatto.

Ecco perché – prosegue Nicita – chiediamo al ministro, data l’imminenza della data di embargo delle importazioni di petrolio russo, in attesa di ulteriori e strutturali iniziative, una tempestiva pronuncia del Comitato di sicurezza finanziaria, al quale partecipa anche il Mise in quanto autorità italiana competente in relazione alle sanzioni in vigore disposte dall’Ue e alla legislazione europea sulle misure restrittive di carattere finanziario, avente ad oggetto la compatibilità dell’importazione di petrolio non russo con l’attuale impianto sanzionatorio europeo.

Ciò consentirebbe alle banche interessate – conclude –  di riprendere immediatamente l’erogazione delle linee di credito necessarie a consentire la continuità dell’operatività dell’impianto”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE