Articoli in evidenza
Anna Martano

“La tavola é festa. Cibo, il nuovo libro di Anna Martano, con la prefazione di Catena Fiorello

“La tavola é festa. Cibo, il nuovo libro di Anna Martano, con la prefazione di Catena Fiorello

Uscito il 25 Ottobre, sta già scalando le classifiche di vendita. Parliamo de “La tavola é festa. Cibo, riti e ricette di Sicilia”, il nuovo libro di Anna Martano, con la prefazione di Catena Fiorello, edito da Ali&No Editrice, presentato a Siracusa, nel Salone della CNA, lo scorso venerdì 5, davanti  a un foltissimo pubblico. A dialogare con l’autrice il giornalista Aldo Mantineo e Franco Neri, presidente provinciale CNA Agroalimentare

Il volume, corredato da un’ampia e curata appendice fotografica, è un itinerario antropologico-gastronomico  attraverso i riti e le tradizioni delle feste in Sicilia e il modo in cui le stesse, nei diversi territori, vengono declinate sia nelle “costumanze” che a tavola, una tavola che, come Anna Martano aveva già evidenziato nel suo precedente lavoro “Il diamante nel piatto – Storia golosa della Sicilia in 100 ricette e cunti”, è frutto della mirabile combinazione della biodiversità siciliana e del mescolarsi delle diverse civiltà che in Sicilia si sono storicamente intrecciate.

“La tavola é festa. Cibo, il nuovo libro di Anna Martano, con la prefazione di Catena FiorelloScrive l’autrice nel nuovo volume: “Ciascuno di noi è dunque portatore di millenni di civiltà diverse, ogni piatto racchiude in sé i sapori del tempo e della terra e ciascuna festa contiene in sé l’eterna celebrazione del Divino”. E ancora : “«L’uomo è ciò che mangia» scriveva Feuerbach, intendendo con ciò che il cibo è elemento culturale caratterizzante di ciascun popolo. Perdere questa identità significherebbe privare noi stessi e, soprattutto le future generazioni, di uno straordinario patrimonio immateriale. Un patrimonio che non appartiene esclusivamente ai siciliani, ma al mondo intero al pari di ogni altro patrimonio culturale e identitario. Ogni uso, ogni rituale, ogni lingua è parte di un tesoro comune in cui il cibo diventa un ponte”.

Concetti efficacemente ribaditi anche da Catena Fiorello che, nella prefazione, scrive “Il passato, a tavola, diventa futuro”.

Tra le pagine del libro, si riscoprono usi e sapori ormai quasi scomparsi: la Cona allestita per Natale, la Pupaccena dono dei Morticelli, u pastizzu ‘i scammaru (pasticcio di magro) preparato per San Giuseppe; ancora “i parti ‘i San Giuseppi”, componimenti poetici tramandati oralmente, tradizionalmente e storicamente, declamati durante le cene votive in onore del Santo e le “cassatelle di ceci”, dolce carnascialesco madonita. Ma c’è spazio anche per ricordare l’artista siracusano Gaetano Zummo, le cui opere in ceroplastica sono esposte al prestigioso Victoria&Albert Museum di Londra e le sacre rappresentazioni del Sacerdote Castagnola di Agrigento.

La tavola delle feste, compiutamente rappresentata in 90, ghiottissime, ricette, diventa, quindi, strumento per celebrare la ricchezza culturale della Sicilia raccontata nei testi accuratissimi dai quali traspare, in tutta evidenza, l’imponente lavoro di ricerca compiuto da Anna Martano.

 

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *