MENU
Articoli in evidenza
metalmeccanici

Incidente in zona industriale: un operaio finisce in terapia intensiva

Incidente in zona industriale: un operaio finisce in terapia intensiva

Il sindacato invita il prefetto a riattivare il tavolo che si occupa di verificare il rispetto di tutte le norme e le procedure legate alla sicurezza sul lavoro.

Ennesimo incidente in zona industriale: a denunciarlo è  Marco Faranda, segretario generale Fismic Confsal di Siracusa che invita il prefetto Giusi Scaduto a convocare le parti interessate.
”Ieri nell’area dell’azienda Versalis – riferisce – è rimasto ferito un operaio della Sicimontaggi, azienda metalmeccanica che si occupa di manutenzione degli impianti.
Sembra che l’operaio stesse manovrando una piccola gru – spiega Faranda – quando durante uno spostamento qualcosa gli è finito addosso. L’uomo è ricoverato nel reparto di terapia intensiva all’ospedale di Siracusa in gravi condizioni. Successivamente è stato trasportato al Cannizzaro di Catania.

Il cantiere – aggiunge il segretario della Fismic – è stato posto sotto sequestro dalla Procura che sta coordinando le indagini dei Carabinieri.  Sarà l’Autorità giudiziaria a verificare che siano stati rispettati tutti i protocolli di sicurezza ed accertare le responsabilità”.

Da qui la richiesta di riattivare il tavolo che si occupi di verificare il rispetto di tutte le norme e le procedure legate alla sicurezza sul lavoro.

“Non possiamo continuare ad assistere passivamente – conclude Faranda – sindacati, Asp, Ispettorato del lavoro, rappresentanti delle aziende devono riunirsi con il coordinamento della Prefettura”.

Medesima richiesta arriva dai segretari di Fim Cisl – Fiom Cgil – Uilm Uil, Angelo Sardella, Antonio Recano e Giorgio Miozzi.

“Siamo fermamente convinti – scrivono in una nota – che anche dietro questo incidente, ci sia la degenerazione di un sistema industriale che sta vivendo in questi anni un momento di incertezza e tensione per l’assenza di una reale visione di sviluppo, che pesa anche sulle condizioni di sicurezza e salute dei lavoratori.

Uno scenario complesso, quello della zona industriale- spiegano – dove spesso si premia l’azienda meno qualificata o quella che garantisce ritmi di lavoro sempre più alti, dove l’assenza di formazione adeguata sulla sicurezza e un’evidente debolezza del mondo del lavoro rappresentano fattori di rischio inaccettabili per la salute e la sicurezza dei lavoratori”.

Da qui la richiesta di aumento dei controlli all’interno delle aziende e di costituzione di strutture territoriali che esercitino una costante azione di monitoraggio e denuncia.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE