Articoli in evidenza
zona industriale

I lavoratori della Chelab di Priolo in sciopero contro i trasferimenti decisi dall’azienda

I lavoratori della Chelab di Priolo in sciopero contro i trasferimenti decisi dall'azienda

La società, da ultimo, ha anche rifiutato l’invito ad un tavolo di confronto pubblico

Braccia incrociate e sciopero oggi a Priolo da parte dei lavoratori e delle lavoratrici Chelab srl del gruppo Merieux Spa, l’azienda che ha avviato una procedura che le organizzazioni sindacali, Filcams Cgil e Fisascat Cisl, hanno fin da subito ritenuta illegittima.

L’azienda, invitata ad un tavolo pubblico di confronto – fanno sapere i sindacati,  ha già annunciato che non intende aver nessun confronto all’ispettorato territoriale competente o con nessun’altra pubblica istituzione.

“Un atteggiamento scorretto – dichiarano Alessandro Vasquez e Terersa Pintacorona – non solo nei confronti dei lavoratori che da oltre 10 anni prestano servizio per questa azienda e che nonostante la polivalenza delle mansioni esercitate, sono stati incastrati nei reparti oggi oggetto di dismissione, ma anche nei confronti delle pubbliche istituzioni.

Abbiamo anche presentato denuncia ispettiva all’Inps – aggiungono – per acclarare un possibile uso distorto del fis covid , dapprima dichiarato su tutta l’azienda ed adesso usato come strumento per marchiare di trasferimento collettivo 8 nomi e cognomi.

È un raggiro della legge sui licenziamenti collettivi. La Chelab sostiene anche di essere in attesa di nuove commesse da Eni, ma nel frattempo – concludono – minaccia di chiudere la procedura illegittima dei trasferimenti collettivi entro il 7 Gennaio.”

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *