Articoli in evidenza
La vicenda

Green Pass, boom di certificati per malattia in Sicilia: da Codacons esposti in tutte le Procure

Green Pass, boom di certificati per malattia in Sicilia: da Codacons esposti in tutte le Procure

L’associazione dei consumatori: “Possibili reati da parte di lavoratori e medici compiacenti”

Boom in Sicilia di certificati per malattia presentati dai lavoratori dopo l’entrata in vigore  dell’obbligo del green pass sui posti di lavoro.

A dirlo è il Codacons che annuncia la presentazione di esposti in tutte le procure dell’Isola perché siano verificate ipotesi di reato che vanno dal falso ideologico alla truffa aggravata.

“Nell’isola i certificati presentati lo scorso 15 ottobre – si legge nella nota dell’associazione – sarebbero stati 6.437 contro i 5.150 del venerdì precedente, con un aumento del +25%, mentre il 18 ottobre, con l’avvio della prima settimana lavorativa con le nuove disposizioni, il loro numero risulterebbe pari a 12.007, con un incremento del +18,5% rispetto al lunedì precedente”.

Una crescita abnorme – commenta il Codacons – che fa sorgere il sospetto che in Sicilia molti lavoratori, non disponendo di Green pass e non volendo ricorrere al tampone, abbiano scelto di mettersi in malattia allo scopo di non subire le sanzioni previste per i dipendenti pubblici e privati privi di certificazione sanitaria.  Malattie con ogni probabilità inesistenti  – conclude la nota – che producono un danno per le casse dell’Inps e potrebbero realizzare reati sia da parte dei lavoratori, sia dei medici che hanno firmato certificati falsi”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *