Articoli in evidenza
vertice

Emergenza sicurezza, riunione in prefettura: danneggiamenti, furti e rapine ma denunce assenti

Emergenza sicurezza, riunione in prefettura: danneggiamenti, furti e rapine ma denunce assenti

Decise azioni comuni rivolte ad innalzare la rete di protezione istituzionale e sociale delle attività economiche

Azioni comuni volte ad innalzare la rete di protezione istituzionale e sociale delle attività economiche di Siracusa e restituire la percezione di sicurezza.

Questo l’esito della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal Prefetto Giusi Scaduto, con la partecipazione, oltre che del Sindaco di Siracusa e dei vertici provinciali delle Forze di Polizia, anche (da remoto) dei rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Casartigiani.

In particolare, è stato concordato di promuovere in Questura di Siracusa incontri tecnici con le associazioni di categoria per una maggiore diffusione di progetti di videosorveglianza, ritenuti valido strumento di supporto alle attività di prevenzione e controllo del territorio.

Al contempo, preso atto di un ridotto numero di denunce per richieste estorsive o usurarie da parte degli operatori economici saranno attivate iniziative congiunte fra Prefettura di Siracusa, Forze di polizia, amministrazione comunale, mondo della scuola e le categorie interessate per rendere sempre più tangibile la condanna all’illegalità da parte, non solo delle istituzioni e degli operatori economici, ma anche della comunità.

Dal sindaco Italia così come dalle associazioni di categoria è stata espressa piena fiducia nelle forze di polizia e nella magistratura; mentre il Prefetto ha sottolineato l’importanza dell’approccio collaborativo per il contrasto ai fenomeni criminali, “che – ha detto – costituiscono un freno al sano sviluppo economico, generatore di pari opportunità, e alla valorizzazione dei talenti”.

© E' VIETATA LA RIPRODUZIONE - TUTTI I DIRITTI RISERVATI

VERSIONE STAMPABILE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *